Italian

Piccolo Pinguino (nome scientifico: Eudyptula minor)

Il nome scientifico del piccolo pinguino (o piccolo pinguino blu), Eudyptula minor, è più descrittivo. Non solo quest’animale è il più piccolo di tutti i pinguini ma la parola greca Eudyptula significa ‘piccolo bravo tuffatore’. Questa specie di uccello marino inabile al volo vive in colonie lungo la costa meridionale dell’Australia, tanto a nord di Port Stephens, a est, che di Fremantle, a ovest. Sottospecie si trovano anche in Nuova Zelanda. Pochissimo si sa delle loro popolazioni. Tuttavia, la Tasmania stima dalle 110.000 alle 190.000 coppie riproduttive delle quali meno del 5% si trova sulla terraferma della Tasmania. Le popolazioni più numerose si trovano sulle isole al largo. Gli esemplari adulti pesano circa 1 kg e raggiungono l’altezza di 40 cm, con una vita media di 6 anni. È stato riportato un caso in cui un pinguino ha raggiunto i 21 anni d’età.

At Sea
In Mare

Il piccolo pinguino si è magnificamente adattato alla vita nel mare. La sua forma aerodinamica e l’efficiente propulsione delle sue pinne (utilizzate sott’acqua nello stesso modo in cui sono usate le ali degli uccelli in volo) gli permettono di cercare le prede con brevi e poco profonde immersioni, di solito tra i 10 e i 30 m e, occasionalmente, fino ai 60 m. Le sue zampe palmate sono ottime per destreggiarsi sulla superficie e ha artigli per scavare e arrampicarsi sulle rocce scivolose. 
I pinguini hanno grandi occhi con retine particolarmente idonee a rilevare il movimento in condizioni di scarsa luce. A differenza di noi, i piccoli pinguini blu hanno appiattito le cornee in modo da poter vedere chiaramente sia sotto sia sopra l’acqua. In comune con gli altri pinguini e con molte altre creature del mare, il piccolo pinguino usa la mimetizzazione come camuffamento; la sua superficie superiore diventa scura per mimetizzarsi dall’alto con il mare, mentre la parte inferiore è di colore bianco argenteo, simile ai riflessi della superficie dal basso. Questo aiuta i pinguini a non attirare l’attenzione degli uccelli rapaci dall’alto e delle foche e degli squali dal basso ma significa anche che la loro preda non può notarli. Alcuni piccoli pinguini tornano regolarmente alle loro tane durante l’anno ma la maggior parte resta in mare per tutto il periodo autunnale e invernale.

Feeding
Alimentazione

La dieta del piccolo pinguino varia secondo i luoghi ma consiste principalmente di piccoli branchi di pesci, alcuni calamari o krill (crostacei simili ai gamberetti). La preda è catturata con rapidi colpi del becco e inghiottita intera, con l’aiuto dei barbigli presenti sul palato. Il cibo si deposita al centro del grande intestino piuttosto che nel gozzo, poiché questo li sbilancerebbe. I piccoli pinguini hanno bisogno di mangiare ogni giorno circa il 25% del loro peso corporeo solo per mantenere la condizione normale, di più se si alimenta un cucciolo o se si sta facendo la muta. Di tanto in tanto mangeranno larve di granchio o cavallucci marini presi dal fondo del mare.

Colonies and nest sites
Colonie e aree per la nidificazione 


La maggior parte degli uccelli stanziali, nel giro di un’ora circa, ritorna nelle sue tane in piccoli gruppi quando è buio, per evitare predatori come gabbiani, corvi imperiali e aquile di mare. Gruppi di pinguini si riuniscono oltre la cresta delle onde, dove possono essere sentiti mentre si chiamano gli uni con gli altri. Vengono verso la riva in massa perché c’è sicurezza nel numero. Più uccelli significano più occhi per notare i predatori e i grandi numeri possono essere causa di confusione per un predatore.
In grandi colonie, centinaia di uccelli possono venire a riva in breve tempo. I nidi si trovano di solito ad almeno 2 m di distanza e, in genere, sono costituiti da un tunnel di 60-80 cm che termina con un nido a forma di ‘ciotola’ fatto di erba o di alghe. Altri nidi possono variare da semplici scalfitture sotto un ciuffo d’erba a elaborate gallerie di collegamento o a un rifugio tra le rocce della costa. Per le loro tane, i piccoli pinguini potrebbero dover competere con berte, topi d’acqua, serpenti e, più recentemente, conigli.

Pinguino di 2 giorni, di 17 giorni, di 25 giorni, di 35 giorni

Breeding
Riproduzione

Tra giugno e agosto i pinguini maschi tornano per rimettere a nuovo le vecchie tane o per scavarne di nuove. Le chiassose esibizioni del corteggiamento dei maschi salutano l’arrivo dei pinguini femmina. Anche se scelgono un solo compagno, di solito non è l’unico partner della loro vita. Gli uccelli si riproducono ogni anno e nell’Australia orientale possiamo trovare la solita covata di due uova molto presto, per esempio a maggio, o tardi, come a ottobre. Se ci sono anni fortunati, potrebbero esserci due covate in una stagione, cosa insolita tra i pinguini. La coppia di pinguini, di solito, cova con turni di 1-2 giorni e la schiusa avviene entro 33-37 giorni. Circa il 60% delle uova si schiude con successo. Alla schiusa i pulcini sono neri come il carbone e pesano poco più di 25 gr. Entrambi i genitori nutrono i pulcini che mangiano ogni giorno fino alla metà del loro peso: a 40 giorni di vita potrebbero essere persino più pesanti dei loro genitori. Quando hanno 5 settimane di vita, i pulcini sono molto attivi e restano anche fuori dalle tane in attesa di essere nutriti dai loro genitori. Nel giro di altre 2 o 3 settimane sono pronti a spostarsi verso il mare, dove potranno crescere e raggiungere la loro maturità. Circa il 70% dei pulcini raggiunge questa fase, ma solo il 15% vivrà fino al completo sviluppo dei due anni. La maggior parte di questi uccelli, in età matura, tornerà alla sua colonia natale per riprodursi.

Moult
Muta 

Dopo la riproduzione, gli esemplari adulti si nutrono freneticamente per affrontare le loro due settimane di muta sulla terraferma. Devono quasi raddoppiare il loro peso perché non mangeranno né berranno durante la muta. Se i loro nidi sono di grandi dimensioni, la muta avverrà lì, ma spesso i pinguini scelgono un luogo più spazioso, dove possono pulirsi e grattarsi più facilmente. Questi luoghi sono evidenti dalle migliaia di piume sparse intorno.



Song
Canto 

I canti e le esibizioni servono ad attrarre i compagni, ad allontanare gli intrusi e, come in un duetto, a unire ancora di più la coppia. Il singolo canto distintivo inizia con un lamento basso fino ad arrivare a un grido stridulo, accompagnato da movimenti delle pinne, del becco e del corpo. Questi richiami ed esibizioni variano d’intensità, da un ‘quasi barrito’ a ​​una grande eccitazione nei suoni e nel movimento del corpo. Durante la notte, e in particolare durante la stagione riproduttiva, il frastuono rumoroso di una colonia di pinguini può essere molto forte.

Seasonal activities
Attività Stagionali 

Le variazioni nel rifornimento di cibo, causate dai cambiamenti nelle correnti oceaniche o da altri fattori, determinano il modello di vita di ogni popolazione locale di piccoli pinguini e possono differire notevolmente dallo schema seguente. Negli anni più fortunati, le uova possono essere deposte da maggio fino a ottobre, con due o anche tre nidiate di pulcini in un anno.


Threats and predation
Minacce e Predazione 

I cambiamenti stagionali nei rifornimenti naturali di cibo portano ogni anno a riva, sulle nostre spiagge, molti giovani uccelli morti o debilitati. I pulcini possono essere uccisi dal calore o dalle infestazioni di zecche. A causa delle loro ridotte dimensioni, i piccoli pinguini hanno molti predatori. Lontre marine australiane e neozelandesi mangiano piccoli pinguini così come, a volte, la foca leopardo. I gabbiani grandi possono uccidere i pinguini, mentre sotto costa le aquile pescatrici panciabianca ne catturano molti.

Intorno, colonie di topi d’acqua portano via uova e pulcini. Corvi imperiali e rapaci pattugliano queste aree in cerca di uova non protette, di pulcini e di adulti, come fanno anche i quoll e i diavoli della Tasmania di notte, sulla terraferma della Tasmania. Tuttavia, i piccoli pinguini si sono evoluti insieme a questi predatori e possono affrontarli. I predatori introdotti, come ratti, cani e gatti, e le minacce degli esseri umani sono il problema più grande.


 Le attività sconsiderate creano altri problemi ai piccoli pinguini. Possono annegare quando i pescatori dilettanti, inconsapevolmente, dispongono i tramagli nelle vicinanze delle loro colonie.

  Le fuoriuscite di petrolio sono disastrose per i pinguini e gli altri uccelli marini. Non solo il petrolio è tossico se ingerito, ma la galleggiabilità e il piumaggio isolante del pinguino sono danneggiati. La plastica è ingerita per sbaglio e l’imballo delle bottiglie può diventare un cappio intorno al collo di un pinguino.

Cani non controllati o gatti selvatici uccidono molti pinguini (più dei loro predatori naturali).

Se la volpe si stabilizza in Tasmania, allora i pinguini dovranno cercare di far fronte a un altro predatore.

Gli effetti degli insediamenti umani, come investimenti di animali sulla strada, vessazioni dirette, vegetazione distrutta dagli incendi ed edificazione di aree residenziali, continuano a minacciare le colonie dei piccoli pinguini.

Viewing guidelines
Visualizza le linee guida 

Queste linee guida hanno lo scopo sia di proteggere i pinguini sia di permettervi di vederli nelle loro condizioni naturali. Si prega di assicurarsi di familiarizzare con tali linee guida prima di visitare una colonia di pinguini.

I pinguini usciranno dall’acqua alla fine del giorno, col favore della notte, cosa che li aiuta a proteggersi dai predatori. In questo momento sono molto vulnerabili (ricordate che vi considerano un potenziale predatore) e, quindi, sono diffidenti. Se sentono una minaccia o sono disturbati dalla luce delle torce o dai rumori forti, rimangono in mare più a lungo. Questo è stressante per loro e può interferire con la riproduzione o impedire loro di raggiungere i piccoli che li aspettano affamati nella tana. Se rimangono in mare, non potete vederli.

It is important
Importante 

Si prega di leggere e rispettare tutti i segnali informativi che possono esserci nella colonia dei pinguini.

Indossare abiti scuri per mimetizzarsi e per tenersi caldi. Avvicinarsi al proprio punto di osservazione dalla terra, preferibilmente non camminando lungo la spiaggia, poiché ciò impedisce ai pinguini di raggiungere le loro tane.

Utilizzare i sentieri esistenti. Non camminare in mezzo alla colonia perché le tane possono essere distrutte. Si prega di non danneggiare la vegetazione. Scegliere un punto d’osservazione lontano almeno 3 m e non bloccare l’accesso dei pinguini alle loro tane. Scegliere un posto con uno sfondo scuro per mimetizzarsi. Sistemarsi comodamente prima del tramonto. Se c’è personale esperto a disposizione, si prega di seguirne i consigli. Rimanere tranquilli e muoversi il meno possibile. I pinguini hanno un’ottima vista e individuano facilmente il movimento, soprattutto se vi vedono delineati sullo sfondo del cielo.

Devono essere usate solo torce elettriche tenui che emettono una luce rossa (va bene del cellophane rosso sopra l’obiettivo) e mai puntarle verso l’acqua o direttamente sui pinguini. Le macchine fotografiche con il flash non dovrebbero essere usate sulla spiaggia. Le videocamere senza faretti possono essere utilizzate e danno risultati migliori al crepuscolo rispetto alle macchine fotografiche tradizionali.


Spesso i posti migliori per osservare i pinguini si trovano dietro la spiaggia, dove si sentono più sicuri. Anche in questo caso, usare solo la luce rossa. Per facilitare la visualizzazione, i binocoli sono utili anche di notte.

  In nessun caso visitare una colonia con cani (o gatti). Anche se i cani sono tenuti al guinzaglio, il loro odore resta e dopo attira altri cani. Portare via i resti di cibo poiché anche questi attraggono cani e gatti.

I pinguini sono animali selvatici protetti.

È illegale catturare, cercare di catturare o disturbare i pinguini. Se si è testimoni di questo tipo di comportamento, si prega di segnalarlo al ranger più vicino. Le infrazioni sono prese sul serio. Se siete interessati o preoccupati per la vostra popolazione locale di pinguini, siete pregati di contattare l’ufficio più vicino del Parks and Wildlife Service.

DONAZIONI 

Il gruppo Amici dei Pinguini di Lillico dipende dalle donazioni per il suo finanziamento. Ogni donazione sarà molto apprezzata e sarà utilizzata per aiutare a proteggere i Piccoli Pinguini dai danni alla piattaforma di Lillico in Tasmania.


Donation to FOLP

Further information
Ulteriori Informazioni 

Stahel, C. & Gales, R. (1987). Little Penguins - Little Penguins in  Australia (Piccoli Pinguini - Piccoli Pinguini in Australia), Uni Press,  Kensington, NSW.

Contatta il Settore per la Conservazione delle Biodiversità: DPIW 134 Macquarie  Street, Hobart. 7000

Telefono: (03) 6233 6556 Fax: (03) 6233 3477

Friends of Lillico Penguins
Amici dei Pinguini di Lillico 

Siamo il Gruppo CARes degli Amici dei Pinguini di Lillico (CARes è l’abbreviazione di Conservation Area Reserve, cioè, Riserva di Area Protetta). L’Area Protetta della Spiaggia di Lillico si trova a 6 km a ovest di Devonport, lungo l’Autostrada di Bass. Aiutiamo l’ente Parks and Wildlife Service (Assistenza Parchi e Fauna Selvatica) a sorvegliare i visitatori della piattaforma di osservazione dei Pinguini, da settembre a maggio di ogni anno - la ‘Stagione del Pinguino’.

____________________________________
Kindly translated by Giusss

No comments:

Post a Comment